Il Programma della Lista Civica Strada Maggiore


IL PROGRAMMA

la strada del rinnovamento in 3 passi


  1. PRIMO PASSO: avviare il processo di rinnovamento della classe politica favorendo un passaggio generazionale che porti energie nuove e idee innovative al servizio della città.
  2. SECONDO PASSO: riconoscere e tutelare il cittadino quale centro e fine di tutte le scelte amministrative.
  3. TERZO PASSO: favorire e ricercare occasioni di crescita culturale, sociale ed economica.

Il Programma della Lista Civica Strada Maggiore


INVIACI LE TUE IDEE

dacci un’idea per migliorare il nostro programma


Il Progetto Strada Maggiore è incentrato soprattutto sulla massima partecipazione da parte della cittadinanza. Ci piace ascoltare le idee ed i pareri dei cittadini, affinché possano esserci di aiuto per migliorare il nostro programma e renderlo il più possibile in linea con le esigenze del popolo massafrese. Pertanto, se hai delle idee che ritieni possano esserci utili nel miglioramento del programma, inviacele tramite il modulo apposito.

inv



Ho letto ed accetto le condizioni espresse in Privacy Policy

  


Il Programma della Lista Civica Strada Maggiore


TUTELA DELLA SALUTE E DELL’AMBIENTE


  • Creare un Osservatorio per la Salute e per la Sostenibilità Ambientale per censire e monitorare le fonti e i livelli d’inquinamento dell’aria, dei cibi, dei terreni e dell’acqua attraverso la collaborazione con gli istituti di ricerca del territorio e non solo (Politecnico, Università degli Studi, ARPA).
  • Assicurare l’informazione continua ai cittadini in materia di salute e di ambiente.
  • Promuovere la Strategia «Rifiuti Zero» con la riduzione progressiva dei costi del servizio di gestione dei rifiuti e la riduzione dei rifiuti, la crescita del riuso e del riciclo, l’aumento delle percentuali di raccolta differenziata.
  • Attuare politiche per garantire concretamente la pulizia e il decoro del territorio massafrese e facilitare le azioni di raccolta dei rifiuti in modo da ridurre il disagio per i Cittadini (es. isole ecologiche).
  • Incentivare il corretto trattamento dei rifiuti, il cui fine ultimo è la prevenzione della salute, secondo i principi di sostenibilità ambientale, tenendo conto delle indicazioni contenute nel documento programmatico realizzato dall’International Society of Doctors for Environment (ISDE).
  • Sostenere la creazione di opportunità imprenditoriali e lavorative nel settore (es. rifiuti elettronici).
  • Istituire punti specifici di raccolta dei rifiuti ingombranti e riciclabili.
  • Impegnare l’Amministrazione comunale a costruire un modello di mobilità a bassa intensità, basato su un uso sistematico della mobilità non motorizzata per gli spostamenti di breve raggio e su un maggior contributo del trasporto pubblico al volume complessivo di traffico, tenendo conto dei «Principi e linee di indirizzo per un sistema della mobilità sostenibile»contenute nel documento programmatico realizzato dall’International Society of Doctors for Environment (ISDE) e da altri Enti pubblici.
  • Programmare e realizzare un’autonomia energetica comunale con politiche volte a favorire la transizione verso le energie “rinnovabili”.
  • Redigere il regolamento per la costruzione, valorizzazione e corretta gestione delle aree a verde urbano.
  • Applicare la Legge 133/1992 “Obbligo per il comune di residenza di porre a dimora un albero per ogni neonato, a seguito della registrazione anagrafica”.
  • Predisporre aree specifiche per gli animali domestici e adozione di politiche di prevenzione e controllo del randagismo.
  • Tutelare la biodiversità e il patrimonio ambientale del nostro territorio (gravine, coste, macchia mediterranea, animali selvatici)


Il Programma della Lista Civica Strada Maggiore


TUTELA E VALORIZZAZIONE DELLA CITTA’ E DEL SUO TERRITORIO


  • Favorire la ripresa dei progetti sul Parco delle Gravine, sul Castello, sulla Chiesa Madre, sul Convento di S. Agostino, sul Palazzo De Notarstefani, sui Cappuccini e mettere in sicurezza gli insediamenti rupestri e le cripte.
  • Recuperare il Centro Storico attraverso la realizzazione di un Piano di valorizzazione e tutela degli spazi pubblici e del Patrimonio Architettonico.
  • Pianificazione di iniziative per incentivare il turismo in arrivo in vista di Matera Capitale della Cultura per il 2019.
  • Migliorare la qualità urbana con la ricucitura delle aree periferiche al borgo centrale.
  • Predisporre piani di riqualificazione territoriale e ambientale, attraverso gli strumenti urbanistici e di gestione del territorio a disposizione dell’ente locale in collaborazione con gli enti sovra-ordinati.
  • Verificare lo stato dell’arte inerente il Piano Urbanistico Generale (PUG) e completare l’iter di approvazione entro mesi diciotto dall’insediamento.
  • Individuare e reperire finanziamenti nell’ambito dei Fondi dell’Unione europea (Fondi Strutturali, POR, EUROPA 2020) e proporre i relativi progetti.
  • Sostenere e incentivare le esperienze di affido ai Comitati di Quartiere di zone pubbliche attrezzate o di aree a verde pubblico.
  • Favorire l’apertura di attività commerciali nel centro storico con politiche di sgravio fiscale.


Il Programma della Lista Civica Strada Maggiore


PARTECIPAZIONE E TRASPARENZA AMMINISTRATIVA


  • Favorire la partecipazione dei Cittadini alla vita amministrativa del comune, attraverso il coinvolgimento in commissioni tematiche aperte, assemblee cittadine e rionali. L’Assessore delegato avrà il compito di convocare, con cadenza semestrale, le assemblee di quartiere alle quali parteciperà chiunque sia residente di quella zona specifica. In queste Assemblee qualunque abitante del quartiere potrà fare sue proposte e il rappresentante dell’Amministrazione dovrà ascoltarle, registrarle tutte e poi porle a votazione della stessa platea di cittadini, la proposta più votata sarà acquisita come richiesta ufficiale che il quartiere fa all’Amministrazione.
  • Ristrutturare il sito web per renderlo più dialogante e fruibile dai Cittadini e “al passo con i tempi”. In particolare, attuazione di una piattaforma informatica che tramite smartphone e/o sito web permetta al cittadino di inviare segnalazioni alle strutture comunali, ad es. sulle situazioni di degrado urbano.
  • Implementare strumenti informatici che consentano un dialogo costante con i Cittadini e la conoscenza di tutte le scelte amministrative e delle attività del Consiglio Comunale.
  • Rendere ai cittadini un aggiornamento costante sull’attuazione del programma, attraverso gli strumenti di comunicazione del Comune,indicando tempi, modi e responsabili/coordinatori dei singoli interventi.
  • Predisporre aree comunali wi-fi pubbliche.
  • Favorire la costituzione di Comitati di Quartiere che possano formulare proposte di iniziative per il miglioramento delle condizioni di vita del quartiere.


Il Programma della Lista Civica Strada Maggiore


SICUREZZA PER IL CITTADINO


  • Verificare il grado di sicurezza urbana e ridefinire i servizi di controllo del territorio.
  • Valorizzare il ruolo della Polizia Locale utilizzando pienamente le potenzialità professionali degli agenti come la conoscenza del territorio e il rapporto fiduciario con i cittadini, incentivandoli nelle attività di sensibilizzazione dei ragazzi, anche nelle scuole, verso comportamenti di civile convivenza.
  • Rafforzare, anche ricorrendo ad attività di volontariato la sorveglianza dei bambini davanti alle scuole.
  • Promuovere attività d’informazione e sensibilizzazione dei cittadini, in particolare gli anziani, sui comportamenti da adottare per la prevenzione dei reati.


Il Programma della Lista Civica Strada Maggiore


SERVIZI SOCIALI E TERZO SETTORE


massafra2

  • Verificare la spesa sociale “storica” e migliorare l’assistenza e il sostegno alle persone e alle famiglie che si trovano in situazioni, anche temporanee, di disagio sociale o economico.
  • Contrastare le povertà e le situazioni di marginalità, anche attraverso la crescita del senso di comunità, e monitorare le domande di assistenza alla persona sul territorio.
  • Regolare e semplificare l’accesso agli immobili pubblici (Palazzo della Cultura, Tetro Comunale, Palazzo De Notarisfefani etc)per incentivare progetti culturali, educativi e museali.
  • Elaborare Project Financing (a costo zero per l’amministrazione) per la realizzazione di un Centro Sportivo Polivalente, che ospiti un più moderno e funzionale campo di calcio, una pista di atletica,nonché i servizi connessi (spogliatoi, docce, punto ristoro).
  • Rafforzare i servizi alla persona, in particolare quelle anziane,con disabilità e con disagio psichico. Rafforzare l’assistenza domiciliare e valutare la possibilità di progettare la creazione a Massafra di una residenza sanitaria assistenziale (RSA).
  • Mettere in rete tutti i servizi alla persona già oggi disponibili (infermieri professionali, fisioterapisti, assistenti sociali, psicologi,assistenza domiciliare integrata etc) e integrare piccoli servizi quali: trasporto per analisi,taxi sociale, consegna medicine a domicilio ed altro.
  • Sostenere attivamente e concretamente l’agire sociale degli Enti senza scopo di lucro del volontariato, della promozione sociale, della cultura e dello sport presenti sul territorio. In particolare, lavorare per la costituzione di un Centro servizi per l’associazionismo che abbia tra i suoi scopi anche la crescita di efficacia e efficienza dell’azione degli Enti senza scopo di lucro presenti sul territorio, favorendo l’aggregazione tra di essi.
  • Attivare un Centro di Ascolto per l’infanzia e l’adolescenza e per persone che hanno progetti di genitorialità.
  • Attivare forme di lavoro con gli strumenti consentiti dalla legge per sostenere persone che a causa della mancanza di lavoro si trovino in situazioni di indigenza, riducendo al contempo gli interventi di tipo assistenzialistico.
  • Attivare forme di baratto amministrativo con sconto fiscale.
  • Creare uno sportello Interculturale e sviluppare attività sociali e di scambio, per favorire l’integrazione dei cittadini stranieri nel tessuto sociale massafrese e, ove occorra, nei contesti scolastici.
  • Istituire la Consulta Giovanile e riattivare il Consiglio comunale dei giovani, regolamentato dallo Statuto comunale.


Il Programma della Lista Civica Strada Maggiore


VERIFICA DI BILANCIO E FUNZIONAMENTO DEL COMUNE


  • Verificare gli equilibri di Bilancio e la situazione debitoria dell’ente.
  • Monitorare la spesa e controllare i centri di costo.
  • Riordinare e potenziare la macchina amministrativa del Comune (dirigenza, pianta organica, formazione continua, efficienza).


Il Programma della Lista Civica Strada Maggiore


SVILUPPO ECONOMICO, CULTURALE E TURISTICO


carnevale_massafra1

  • Salvaguardare le attività agricole e rilanciare la funzione economica prioritaria dell’agricoltore nel nostro territorio, attraverso modelli di sviluppo sostenibile e rispettosi dell’Uomo.
  • Favorire l’utilizzo dei terreni agricoli incolti e abbandonati tramite l’incentivazione del loro utilizzo economico-produttivo o a fini sociali, come gli orti urbani e condivisi.
  • Favorire la crescita del livello culturale attraverso l’introduzione dell’indirizzo turistico-alberghiero nell’Istituto Tecnico Industriale Amaldi; il miglioramento delle strutture esistenti con la loro messa in sicurezza e abbattimento delle barriere architettoniche ed individuazione di nuove sedi idonee; il potenziamento del servizio scuolabus; il miglioramento della qualità del servizio mensa e della pulizia delle strutture.
  • Attivare collaborazioni in materia agricola con Enti e Università.
  • Individuare risorse per sviluppare un progetto con la Camera di Commercio, l’Università ed altri enti competenti con l’obiettivo di aiutare la nascita di Start Up e fornire loro servizi, coinvolgendo i giovani del territorio comunale interessati alla creazione di nuove attività imprenditoriali con utilizzo eventuale anche di locali a disposizione del comune.
  • Indirizzare l’imprenditoria massafrese, anche tramite adeguate politiche di incentivazione, verso un modello di sviluppo produttivo ecosostenibile, fonte di guadagno per gli imprenditori stessi e di benessere (salute e lavoro) per la cittadinanza.
  • Creare un Tavolo di partecipazione e vigilanza industriale per l’ambiente e lo sviluppo economico con il fine di rendere permanente e partecipata la relazione tra il Comune e il tessuto produttivo, di conoscere in tempo reale i problemi e le necessità delle imprese, di condividere le opportunità economiche e di sviluppo, di affrontare i problemi occupazionali e incrementare i posti di lavoro, di conoscere e/o proporre eventuali miglioramenti su attività ad impatto ambientale ed economico locali, esigendo il rispetto delle regole. Al tavolo potranno prendere parte rappresentanti del comune, politici e tecnici, e rappresentanti delle aziende del territorio.
  • Rilanciare il settore del commercio e quello dell’artigianato con la raccolta delle istanze e dei punti di vista sia del mondo degli operatori che di quello dei consumatori-utenti; con politiche di attrazione commerciale capace di portare sempre più utenti davanti ai punti vendita.
  • Promuovere un tavolo permanente sul commercio, quale organo di pianificazione partecipata, al quale devono partecipare le componenti del mondo del commercio, dell’artigianato e dei consumatori.
  • Verificare l’equità delle imposte e tasse comunali che gravano sul settore commercio e artigianato e, ove opportuno e necessario, introdurre agevolazioni ed esenzioni.
  • Rivedere la tassa di occupazione del suolo pubblico per favorire lo sviluppo all’aperto e nelle piazze delle attività commerciali.
  • Favorire il parcheggio in vicinanza alle zone commerciali in modo da consentire di evitare gli intasamenti e permettere operazioni di chiusura del traffico senza penalizzare commercianti e cittadini.
  • Rivalutare le zone dedicate al commercio sotto l’aspetto dell’arredo urbano così da rendere piacevole il passeggio per gli acquisti, garantendo sicurezza a famiglie e bambini, nonché promozione di eventi culturali e di spettacolo, concordati con gli operatori economici e i consumatori, che tengano sempre vive le suddette zone urbane.
  • Attuare politiche di sviluppo turistico sviluppando il sistema dell’accoglienza e lavorando per inserire Massafra in circuiti sovra-comunali.
  • Porre al centro dell’azione politico-amministrativa il Patrimonio Culturale di Massafra, attraverso il recupero e la valorizzazione della sua architettura, delle emergenze storico-archeologiche, la trasmissione della conoscenza della sua storia e delle sue tradizioni. Ad es. valorizzare i luoghi storici o turistici predisponendo pannelli informativi grazie ai quali mediante “qr code” o semplici Link sia possibile scaricare su smartphone o tablet informazioni e/o audio guide relative al luogo di interesse.
  • Valorizzare il Carnevale Massafrese, come manifestazione di aggregazione, di cultura popolare e volano economico, individuando strumenti per professionalizzare sempre più le maestranza che lavorano per il carnevale e realizzando aree coperte e attrezzate dove realizzare i carri e i gruppi mascherati, in collaborazione con gli operatori del settore.

Scarica il Programma in formato PDF